Saluto finale…

12 07 2011

“Sera parsimonia in fundo”

È tardi il risparmio quando si è sul fondo.

Ma questi cinque anni hanno meritato di essere bevuti in fretta, e nella parte finale non è rimasta la parte peggiore.

Nessuno ti restituirà i tuoi anni, nessuno ti renderà di nuovo a te stesso; il tempo andrà per la via su cui si è incamminato, e non tornerà indietro, né arresterà il suo percorso; non farà rumore, non ti avviserà della sua velocità: scivolerà via silenzioso; non si prolungherà per editto di re o favore di popolo: correrà dal primo giorno così come è partito, non farà nessuna fermata, nessuna sosta.

Seneca si sbaglia… basta immaginare, ricordare ogni momento e tutto rivive, tutto ti verrà restituito, almeno nei pensieri. E allora per evitare che il tempo cancelli ogni traccia, per evitare il dannato velo dell’oblio…

… exegimus monumentum aere perennius:

“A tutti quelli che alla prima verifica di inglese del ginnasio si sono trovati a pensare “ma chi è Kathy e perché viene dall’Australia?”, quelli che il Cino ha fatto scompisciare, che Lalla ha animato, che neogreco ha infiammato;  a chi ha attraversato Firenze, chi si ricorda di Venezia, di San Gimignano, di Siena, chi si è innamorato della Grecia, della Spagna; a chi ha sperato, sudato, sofferto, gioito durante e dopo le innumerevoli versioni, da Cesare e gli Allobrogi a Marco Aurelio e la carne ben cotta (condita di olive); a tutti quelli che dicevano “le disequazioni non mi entreranno mai!”, “la perifrastica passiva? Ma è una malattia?” , “chi è Colchide????”. A tutte le Medee, le Antigoni, le Andromache e non so che altre… Agli Sveziesi, (pardon svedesi) che ci hanno fatto capire quanto l’Italia sia bella… Alla trascendenza, al vino e alla poesia, alle letture, alle mini-assemblee. Agli innumerevoli gironi del gioia, alle sue scale a chiocciola, i labirinti, i bidelli in agguato, i tecnici nascosti… Alle presentazioni di arte, a quelle di scienze. Ai “prontooooo???”, agli “zeeerooo!!”, ai “mumble, mumble”, ai “e il silenzio calò sulla classe”, agli “ohibò”, ai “πώς σε λένε;”… Alle ventuno persone che compongono la III liceo A, alle litigate, allo scherzare, al ridere, dalle prime pizzate all’Orologio alle sere dei diciottesimi, alle disco… Ventuno… ma insieme, un’unica cosa. A questi cinque anni.”

È il momento di concludere la lettera. “Mi arriverà così, solo semplici parole senza alcun vantaggio?” potresti dire. Rivolgiti verso il vento: saprai accogliere le parole che porta con sé.

Fine di tutto. Fine di oscurosire.wordpress.com, non ha più alcuno spunto… rimarrà qui, monumento epigrammatico per qualsiasi persona voglia ricordarsi dei tempi andati e non cedere al velo dell’oblio. Fine della sezione A, della annata 1992. Ottima annata… Fine. Ma nella nostra fine c’è il nostro inizio. Ognuno va ora verso la propria via: ma ci rincontreremo tutti. Un giorno…

Annunci

Azioni

Information

One response

20 09 2011
adp

Buon inizio! E in bocca al marmottino.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: